FANDOM


Lectitio Divinitatus

Il Lectitio Divinitatus (anche Lectio Divinitatus) è stato un libro scritto dal Primarca Lorgar durante la Grande Crociata, prima della sua conversione al Caos. Postulò il culto dell'Imperatore dell'Umanità come un essere divino. Il seguito della Lectitio Divinitatus divenne un culto nascono, che venne ritenuto il precursore del Tempio dell'Imperatore del Salvatore e del Culto Imperiale, base del moderno Adeptus Ministorum. Durante la Grande Crociata tali culti erano disapprovati dall'Imperatore e dal Consiglio della Terra, e soprattutto dagli Astartes che servono l’Imperatore ed il consiglio. L'Imperatore minimizzò il suo potere ma coloro che credevano nella divinità dell'Imperatore erano dell'opinione - come disse Titus Cassar - che "solo i veri divini negano la loro divinità". 

Nella 63a flotta di spedizione, comandata dallo stesso traditore Horus, il culto era prevalente. Horus fece dei tentativi per cercare di estinguere il culto, poiché lo percepiva come una minaccia al suo potere. Il ricordo di Euphrati Keeler - che fu attaccata dalla 63° - divenne una figura importante, venerata come un santa vivente e profeta dell'Imperatore. Di conseguenza, a un certo punto fu bersaglio degli assassini di Horus prima di fuggire dallo Spirito Vendicativo. Anche alcuni Astartes - come Nathaniel Garro, lealista della Guardia della Morte che guidò l'Eisenste in fuga - accettò parte del culto a un certo punto. 

Ad un certo punto dopo che l'Imperatore fu messo nel Trono d'Oro, potrebbe essere stato questo movimento, uno dei culti che prese parte alla guerra che alla fine vide l'ascesa della Chiesa dell'Imperatore Salvatore, come un rivale, per quanto riguarda la presa di potere dell'Ecclesiarchia.